You are here

La sofferenza

 

Colui che negli impedimenti vede la giusta prova per formare la propria personalità, oh come consolida la sua posizione di fronte al mondo!     

Da I Ching

 

Quando gli accadimenti esterni portano a rinchiudersi in se stessi, il nobile reagirà studiando gli errori commessi e con questo si arricchirà, mentre l’ignobile si limiterà a dare la colpa agli altri, e con questo diventerà sempre più povero.  

Da I Ching

 

Tutti conoscono il vantaggio del bene e lo svantaggio del male. Soltanto i saggi sanno come il male possa essere benefico e il bene malefico.

Lao-tzu

 

BuddhaUn frutto deve putrefarsi per generare il seme che entra nella terra, producendo una nuova vita. Ed è così che la natura insegna che proprio dal culmine del negativo nasce l’inizio del positivo. Per questo la luce non potrà mai essere sconfitta dal buio.

Da I Ching

 

La lode e il rimprovero, il guadagno e la perdita, il piacere e il dolore vanno e vengono come il vento. Per essere felici, restate fermi come un grande albero al centro di ogni turbine.

Da Il Buddhista involontario

 

Colui che è uguale verso il nemico e l’amico, così come verso l’onore e il disonore, che rimane lo stesso nel freddo e nel caldo, nel piacere e nel dolore, libero da attaccamento, uguale nel biasimo e nella lode, silenzioso, che s’accontenta di tutto – qualunque cosa accada –, senza dimora fissa, col pensiero saldo, pieno di devozione, quell’uomo mi è caro.

Bhagavad Gita

 

Certamente quando Allah fa ritornare la salute a un musulmano ammalato, la sua sofferenza ha cancellato le sue colpe precedenti, ed è una ammonizione per lui su ciò che accadrà nei tempi futuri, e certamente quando un ipocrita cade malato e dopo ritorna in salute è come un cammello tenuto legato e dopo lasciato libero, e come il cammello ignora il motivo di questo trattamento così fa l’ipocrita, al contrario, il credente sa che la sua indisposizione era una espiazione delle sue colpe.

Muhammad (da Le parole del Profeta)

 

Chi fa dipendere la propria sorte dagli altri, decreta la sua dipendenza dall’altrui umoralità.

In situazioni difficili guai a colui che si crogiola nel suo stato di bisogno, rimanendo seduto e compatendosi.

Da I Ching

 

Ogni vita ha la sua porzione di dolore. Talvolta è proprio questa che ci risveglia.

Da Il buddhista involontario

 

Tutti i credenti costituiscono un solo corpo, quando una parte soffre, tutto il corpo reagisce con la febbre e con l’insonnia.

Muhammad (da Le parole del Profeta)

 

Chi detiene saldamente il timone della propria esistenza può navigare nei mari più agitati e nelle più violente tempeste, senza subire danni.

Da I Ching

 

Quanta saggezza vi è nel saper accettare le situazioni e nell’impedire così che il cuore soffra più del necessario. Non è forse vero che troppi pensieri arrecano troppe ferite?

Chi sa cos’è il dolore, chi conosce cos’è la paura, e con questo ottiene di aumentare la propria forza nei confronti della vita, possiede una corazza che lo renderà invincibile.

Da I Ching

 

Le cose sono indubitabilmente nascoste nei loro contrari, il profitto nella perdita, il dono nel rifiuto, l’onore nell’umiliazione, la ricchezza nell’indigenza, la forza nella debolezza, l’ampiezza nella strettezza, l’elevazione nell’abbassamento, la vita nella morte, la vittoria nella sconfitta, la potenza nell’impotenza, e così via. Se qualcuno vuole dunque trovare, si rallegri di perdere, se vuole il dono, si rallegri del rifiuto; chi desidera l’onore accetti l’umiliazione, e chi desidera la ricchezza, sia pago della povertà; chi vuol essere forte si contenti della debolezza, e chi vuole l’ampiezza si rassegni alla strettezza; chi vuol essere elevato si lasci abbassare, e chi desidera la vita accetti la morte; chi vuol vincere sia lieto di perdere, e chi desidera la potenza benedica l’impotenza.

Al-’Arabî ad-Darqâwî, da Lettere di un maestro sufi

 

Miei amati poveri, la Povertà fa rivelare la nobiltà dello spirito, mentre la ricchezza ne libera il lato più in ombra. Il dolore ammorbidisce i sentimenti, e la Gioia guarisce il cuore ferito. Se Dolore e Povertà fossero eliminati, lo spirito dell’uomo sarebbe simile a una tavoletta vuota, senza alcun’altra iscrizione che non siano i segni dell’egoismo e della cupidigia.

Ricordatevi che la divinità è il vero io dell’Uomo. Essa non può essere venduta per oro; né di essa si può fare un cumulo come per le ricchezze del mondo. Il ricco ha scacciato da sé la sua divinità, e si tiene stretto al suo oro. E i giovani oggi, hanno trascurato la divinità che è in essi e inseguono autocompiacimento e piaceri. (…)

Ma la vita che il ricco trascorre nell’ammucchiare il suo oro è in verità simile alla vita dei vermi in una tomba. È segno, comunque, di paura.

Kahlil Gibran, da La Voce del Maestro

 

Non esiste

nulla che sia un problema

senza un dono per te

nelle mani.

Tu cerchi problemi

perché hai bisogno

dei loro doni.

Richard Bach, da Illusioni

 

Il mio dissenso nei confronti della professione medica in generale nasce dal fatto che essa ignora completamente l’anima e non tende ad alcun fine nel limitarsi a cercare di riparare uno strumento fragile come il corpo. Così, ignorando l’anima, la professione mette gli uomini alla propria mercé e contribuisce all’impoverimento della dignità umana e dell’autocontrollo.

 

Vogliamo medici dell’anima piuttosto che del fisico. La molteplicità degli ospedali e dei medici non è un segno di vera civiltà. Meno noi e gli altri vizieremo i nostri corpi e meglio sarà per noi e per il mondo.

Gandhi, Young India

 

Ho curato molte centinaia di pazienti. Tra tutti i pazienti appartenenti alla seconda metà della vita non ve ne è stato uno il cui problema, in ultima analisi, non fosse quello di trovare una prospettiva religiosa da cui guardare alla vita. Si può affermare con sicurezza che ognuno di essi si fosse ammalato perché aveva perso ciò che le religioni viventi di ogni età hanno offerto ai loro seguaci, e nessuno dei pazienti guarì veramente senza aver prima riguadagnato una prospettiva religiosa della vita.

C.G. Jung, L’uomo moderno alla ricerca dell’anima

 

Shri Ganesha